CALCIO: la Serie A 2021-2022
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

PRESSING SULLE RIAPERTURE: DRAGHI DECIDERA’ LUNEDI’

AG.RF.(redazione).12.05.2021

“riverflash” – Dalla prossima settimana potrebbero cambiare i parametri e i colori delle regioni, tutto dipenderà dall’indice Rt, Draghi è pressato da varie parti e il centrodestra spinge per le aperture. A oggi dunque, non c’è un accordo nella la maggioranza per accelerare le ripartenze per tutti i settori ancora fermi e cancellare il coprifuoco alle 22, mentre Leu e Pd ribadiscono la necessità di mantenere la linea della prudenza, optando per scelte graduali. Ad introdurre il tema delle riaperture e del coprifuoco sono stati innanzitutto la ministra degli Affari Regionali Mariastella Gelmini, il collega della Lega Giancarlo Giorgetti e la titolare di Italia Viva Elena Bonetti, ma il dossier è ancora sul tavolo di Draghi che deciderà lunedì. Nel frattempo il centro destra ha presentato una mozione firmata da Lega, Forza Italia e Udc che chiedono l’annullamento del coprifuoco, l’anticipo delle riaperture previste a giugno e luglio: ristoranti al chiuso, palestre, parchi tematici, fiere, convegni e congressi, consentire l’organizzazione di eventi e cerimonie dando il via libera al settore del wedding, aprire gli stadi al pubblico e i centri commerciali nel fine settimana. Tuttavia si sta facendo strada l’ipotesi di un compromesso con il coprifuoco alle 23 e lo slittamento delle riaperture al 15 giugno. Non dovrebbero esserci invece novità per i ristoranti al chiuso, le palestre (il decreto prevede il 1° giugno) e i parchi tematici (1° luglio). Infine c’è il problema della modifica dei parametri che definiscono i colori delle regioni, perché continuando a tenere in considerazione l’indice Rt, diverse regioni potrebbero finire in zona arancione e si sta pensando di cambiare modo di valutazione, visto che riaprendo tutto, si potrebbe subire un nuovo amento dei contagi. La proposta su cui si confronteranno nelle prossime ore governo e regioni è di tenere in considerazione l’Rt ospedaliero, cioè la situazione dei malati Covid nelle terapie intensive e nei reparti ordinari. In zona ad alto rischio si andrebbe se le prime superano il 20% del totale dei posti disponibili e le seconde il 30% (oggi la soglia critica è rispettivamente del 30 e del 40%). Verrebbero inoltre definite 3 fasce d’incidenza, con la più alta fissata a partire da 150 casi ogni 100mila abitanti.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*