il 20 giugno riparte la Serie A
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Protesta in un supermercato di Palermo: “Basta restare chiusi a casa, vogliamo mangiare!”

AG.RF 27.03.2020

(riverflash) – Al grido “Basta restare chiusi a casa: vogliamo mangiare”. Una ventina di persone, mosse dalla paura della fame, ha assaltato il supermercato Lidl in via Regione Siciliana a Palermo. Nel pomeriggio una ventina di persone hanno riempito i carrelli di prodotti alimentari e arrivati alle case si sono rifiutati di pagare. Chiare le motivazioni: “Non abbiamo soldi per pagare. A casa ci possono stare quelli che hanno lo stipendio fisso. Se noi dobbiamo stare chiusi, lo Stato deve procurarci il cibo e pagarci gli affitti”.

In Sicilia sono in molti a lavorare in nero e con le limitazioni alla mobilità non possono fare i loro lavoretti. Secondo un recente studio della Cgil, a Palermo e provincia un lavoratore su tre è in nero. Molti hanno figli a casa che mangiano poco, quasi nulla.

Per sedare la protesta sono intervenuti Carabinieri e Polizia, chiamati dai dipendente del supermercato.

In serata è arrivata anche la nota dell’azienda: “Lidl Italia conferma che nel tardo pomeriggio, una quindicina di persone sono entrate nel nostro punto vendita di Palermo via della Regione Siciliana con l’intenzione di non pagare la spesa appena effettuata. Sono state quindi chiamate le forze dell’ordine che sono prontamente intervenute a garanzia della sicurezza e salvaguardia dell’incolumità sia dei nostri collaboratori che dei clienti presenti in quel momento in punto vendita. Comprendiamo il difficile momento che l’intero Paese sta vivendo e ringraziamo le autorità per il pronto intervento odierno”.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*